Intraprendere la professione del Gelatiere, diventare gelataio (sì, per questa volta non faremo distinzione tra i termini, con buona pace degli amici del settore) significa oggi qualcosa di diverso da vent’anni fa. La fase di espansione incontrollata del mercato è alle nostre spalle e non è più sufficiente una preparazione di massima per diventare gelatiere di successo; la buona notizia però è che la ricerca, la tecnica, le possibilità di differenziarsi oggi sono molto maggiori per chi si approccia a questo mestiere. Bisogna avere passione e “voglia di faticare”, quelli che ce la fanno davvero sono di meno rispetto al passato, ma i risultati che si possono raggiungere oggi sono maggiori.

Ma quindi come diventare gelataio? Ecco i nostri consigli per chi parte da zero.

Diventare gelataio: un consiglio per i più giovani (che vale anche per gli altri)

“Professione gelatiere” è un termine che si può legare alla tecnica, ma non si può scindere dalla passione; per questo è bene verificare da subito che diventare gelataio sia quello che volete davvero. Per farlo non c’è modo migliore che passare un paio di stagioni dentro una gelateria, sia come addetti alla produzione che alla vendita; si, per diventare gelataio servono tutte e due, nessuna esclusa. Il consiglio va ovviamente ai più giovani, che hanno più tempo e che magari d’estate non sono impegnati con la scuola (istituti alberghieri esclusi, ma lì è la scuola stessa a strutturare l’esperienza in stagione); tuttavia anche ai meno giovani, questo passaggio può dire molte cose che è bene tenere in conto. Coerenti con la nostra affermazione, i nostri programmi di affiancamento e formazione per l’apertura di nuove gelaterie prevedono un affiancamento operativo: teoria e pratica vanno unite per costruire un percorso solido.

La passione, dicevamo, è la chiave per raggiungere obiettivi degni di nota. Seguire corsi per diventare gelataio ma non affiancarci la pratica costante, la curiosità, la sperimentazione, serve a poco nel diventare un artigiano gelataio. Solo la passione spinge in questa direzione.

Professione gelatiere: basta un corso per diventare gelataio?

Un altro passaggio importante nella strada alla professione di gelatiere è il corretto approccio alla formazione; sarà controintuitivo sentirlo dire da chi organizza corsi per diventare gelataio, ma vogliamo ribadire con forza due punti fondamentali:

  1. con un corso per diventare gelataio non mi trasformerò automaticamente in un Gelatiere
  2. non esiste il perfetto corso per diventare un gelataio completo

Quindi come diventare gelataio?

  1. La formazione deve diventare permanente: chi vuole diventare artigiano gelataio dovrà mettersi in testa che gli esami non finiscono mai, e che non si smette mai di imparare. Il percorso che si intraprende è fatto di apprendimento continuo durante tutta la vita professionale.
  2. Bisogna seguire più corsi e scuole per diventare gelataio: anche quando gli argomenti sembrano gli stessi, ogni maestro tratterà le cose dal suo punto di vista, secondo la sua esperienza e la sua competenza specifica. Non fermatevi mai ad una sola scuola, seguite corsi in scuole diverse e continuate a mettere gli approcci a confronto

Diventare gelataio con un percorso mirato

Per diventare gelataio noi consigliamo comunque la progressività nell’acquisizione delle competenze; questo è anche il modo in cui abbiamo strutturato i nostri corsi per diventare gelataio.

Per noi è necessario iniziare ad imparare la merceologia degli alimenti che si utilizzano nella produzione del gelato. È un contenuto che inseriamo nel nostro corso di primo livello in gelato naturale.

Il secondo passaggio è apprendere la bilanciata degli ingredienti, ed è quello che trattiamo nel nostro corso di secondo livello in gelato naturale.

Sul piano dell’offerta il Gelatiere secondo noi deve sapersi muovere anche in altri ambiti; quindi, dopo aver appreso merceologia e bilanciata, crediamo sia opportuno che chi vuole diventare gelataio impari qualcosa sul mondo dei semifreddi e sulla costruzione di prodotti di alto valore aggiunto, come le coppe gelato.

Infine, chi vuole davvero poter dire “Professione Gelatiere” dovrebbe seguire un corso avanzato sul gelato senza additivi; nella nostra offerta di corsi per diventare gelataio c’è un master in gelato senza additivi.

Questo per quanto riguarda la parte in aula. Accanto ad essa è comunque fondamentale fare esperienza; verso la fine del percorso, quando si saranno apprese competenze di livello, sarà molto più importante che le gelaterie in cui fare esperienza siano qualificate, e in grado di mettere a frutto ciò che l’aspirante Gelatiere abbia appreso. È quanto prevediamo nei nostri affiancamenti operativi, quando svolgiamo consulenze per apertura di nuove gelaterie.

La strada per diventare Gelataio finisce qui?

Abbiamo già parlato nel nostro articolo “Il Gelatiere: l’incontro necessario tra artigianalità e marketing” del fatto che la specifica competenza tecnica non basta a creare un gelatiere di successo: saper fare il gelato e tenere aperta con profitto una gelateria non sono la stessa cosa, per quanto la seconda non possa avvenire senza la prima. Parallelamente al percorso tecnico, chi vuole diventare gelataio deve apprendere anche gli aspetti economici, gestionali e di marketing. Su questo, poi, la cosa migliore resta farsi accompagnare da un consulente competente e capace, che possa ampliare la visione del gelatiere e dargli maggiori possibilità di successo.