Tempo di lettura: 6 minuti

Se non hai un sito web o meglio ancora un portale di vendita online dei tuoi prodotti, in questi mesi ti sarà certamente passato per la testa di volerli realizzare.

Perché ormai è sempre maggiore il numero di gelaterie che ce l’hanno e chi vede un’opportunità in questo nuovo canale lo cura in modo particolare. Perché ormai sono sempre maggiori i clienti che ti cercano sul web. Perché se non sei digitalizzato perdi una grossa opportunità e perché in futuro l’online prenderà sempre più mercato.

Ecco, queste sono le motivazioni che solitamente spingono a volersi imbarcare nell’impresa di avviare una vetrina sul web. Ma è veramente così? Sono queste le domande giuste da porsi? Proviamo a rispondere insieme e soprattutto a mettere sul piatto consigli pratici e immediati.

Prima però ti ricordiamo che questo è il secondo articolo della mini rubrica di digital marketing in gelateria. Se vuoi capire quali sono i nuovi scenari di comunicazione digitale puoi leggere il primo articolo cliccando qui.

Come la pandemia ha modificato l’approccio al mondo del web e delle vendite online

Prima di andare alla pratica ci dobbiamo concedere una breve premessa sullo stato dell’arte del web. Capire meglio come funziona oggi e quali sono i numeri è essenziale per contestualizzare le azioni pratiche da svolgere. Soprattutto adesso che abbiamo attraversato una situazione inaspettata e mai gestita prima, ovvero una pandemia che ha profondamente modificato molte abitudini di tutti i target generazionali.

Facciamo veloci riflessioni giocando sul vero o falso dei nostri pensieri:

  • E’ vero, oggi siamo tutti più digitalizzati. Molto più digitalizzati. Quindi è corretto interrogarsi sull’opportunità di realizzare un proprio portale web o addirittura un e-commerce. Chiunque faccia una ricerca, anche per il local business (aziende locali) estrae dalla tasca il suo smartphone e visita Google per risolvere un’esigenza immediata.
  • E’ falso invece pensare che in virtù della nostra prima affermazione, se ti fai un sito web improvvisamente moltiplichi il fatturato. La “questione digitale” è molto più complessa e come ogni canale di vendita ha tempi e metodi che devono essere rispettati per raggiungere risultati interessanti.
  • E’ falso credere che siti web e portali e-commerce possano essere facilmente realizzati da appassionati che non lo fanno di professione. Servono tantissime competenze ed esperienza, tanto che spesso per realizzare un buon prodotto devono collaborare 2 o 3 figure professionali diverse (grafica, content, programmazione).
  • E’ vero, per diretta conseguenza, che i prodotti web sono diventati molto costosi. Lo vedremo tra poco, ma non ti nascondo che servono svariate migliaia di euro per avere un bel risultato.
  • E’ falso però pensare che l’unica strada sia abbandonare il progetto che abbiamo in mente. Esistono soluzioni alternative che offrono meno, ma che potrebbero soddisfare comunque le esigenze di una gelateria soprattutto in un approccio step by step con dignità e con un rapporto qualità/prezzo magari anche più favorevole (alla fine dell’articolo vediamo anche queste).
  • E’ vero, anzi verissimo, che non possiamo più prescindere o ignorare il digitale. Un report di Google nel periodo pandemico ha stabilito come nel 2024, in Europa, ancora più dei ⅔ delle vendite si faranno in un contesto fisico e non direttamente online. Ma il percorso di acquisto dei clienti sarà anche tassativamente digitalizzato. Questo significa che ci troveranno o faranno approfondimenti sul nostro prodotto proprio sul web anche se magari alla fine verranno fisicamente in gelateria a comprare il gelato.
  • E’ vero che la pandemia ha accelerato incredibilmente tutte le nostre considerazioni e non abbiamo più tempo da perdere. E’ arrivato l’ultimo treno verso la digitalizzazione.

Ora che abbiamo messo sul piatto i nostri pensieri sfatando i falsi miti, possiamo passare a vedere gli aspetti più pratici del web in gelateria.

Vantaggi e svantaggi di un sito web per una gelateria

Procediamo sempre per punti, così possiamo focalizzare meglio tutti gli aspetti. Vediamo prima i vantaggi:

  • Con un sito web siamo presenti e ricercabili da Google. Quindi se qualcuno sta cercando del buon gelato artigianale potrà trovarci. Chi potrebbe essere l’utente? Una persona scontenta del gelato mangiato fino a quel momento, qualcuno che vuole un prodotto migliore o più raffinato (es: senza zucchero o senza glutine), un utente che vuole la consegna a domicilio o magari un turista che deve districarsi tra le varie gelaterie presenti.
  • Un sito web è un biglietto da visita online e possiamo aggiornarlo in tempo reale. Possiamo scriverci facilmente i gusti del mese oppure eventuali promozioni. Inoltre possiamo tenere sempre aggiornati i nostri dati di contatto.
  • Una volta realizzato, il sito web non deve essere per forza aggiornato quotidianamente con nuove informazioni. Può essere semplicemente una vetrina sul web per avere la certezza di essere tra le potenziali scelte dell’utente che fa la ricerca.
  • Se pensato e realizzato professionalmente, il sito è lo specchio della nostra identità. Di fatto rappresenta il primo touch point con il potenziale cliente. E la prima impressione è quella che conta più pesantemente nelle scelte del consumatore.
  • Oggi la modalità di conversione di un utente in cliente è “omnichannel” (ovvero su più canali) e deve quindi prevedere la copertura, anche se minima, di tutti i possibili spazi di comunicazione digitale (il web è uno di questi).

Andiamo a vedere gli svantaggi legati al sito web della nostra attività:

  • Non possiamo farlo in versione “amatoriale”. Usare qualche tool automatico o far costruire il nostro sito al “cugino” appassionato equivale ad avere un prodotto mediocre che non ci rappresenterà e anzi ci danneggerà trasmettendo un’immagine peggiorativa.
  • Una volta pubblicato, il sito web ha bisogno di un minimo di manutenzione tecnica. Con il livello tecnologico attuale, non è più possibile pubblicare un sito e lasciarlo li per anni senza interventi tecnici. Serve un supporto almeno annuale che tenga aggiornata la struttura con cui è realizzato (tecnicamente viene chiamata CMS).
  • Il costo non è irrilevante. Anzi, se non vengono ponderate bene caratteristiche e funzionalità, rischia di diventare un investimento a perdere.
Il portale della gelateria “Il Gelato” a Saronno

Opportunità e insidie di un portale e-commerce per una gelateria

Ora che abbiamo visto vantaggi e svantaggi di un sito web, passiamo al suo fratello maggiore, il portale di e-commerce. Nella maggior parte dei casi equivale ad avere un sito con funzionalità di vendita online quindi tutte le considerazioni fatte prima sono valide anche in questo caso. Partiamo dalle opportunità:

  • Un e-commerce ci apre a potenziali guadagni che molto probabilmente non avremmo raggiunto. Chi acquista online del gelato cerca specificamente questa comodità e difficilmente ne farà a meno in futuro. Inoltre la configurazione iniziale è valida per le vendite locali, ma anche per quelle su scala nazionale. Pertanto se il nostro business dovesse evolvere con qualche prodotto non necessariamente legato alla catena del freddo, potremmo venderlo in tutta Italia con pochissimi sviluppi aggiuntivi sull’e-commerce già attivo.
  • Idealmente ormai il tema dell’e-commerce è sdoganato anche dai meno giovani. Pertanto viene utilizzato facilmente da tutti, non solo dai fan della tecnologia.
  • Il mondo del food delivery, nelle sue diverse declinazioni, è in forte fermento ed è destinato a riservarci ancora molte innovazioni nel prossimo futuro.
  • Offrire le vendite online come servizio ai nostri clienti è anche un vantaggio sotto il profilo della “brand awareness” ovvero dell’immagine che trasmettiamo. Nella mente del cliente figuriamo sempre come la gelateria più innovativa (oltre ad avere un ottimo gelato).
  • Grazie al periodo di lockdown, le tecnologie legate all’e-commerce locale sono notevolmente cresciute e oggi è possibile offrire una buona esperienza di acquisto ad un prezzo ragionevole.
  • Infine ma non per questo meno importante, il portale e-commerce può essere molto interessante per permettere ai clienti di visionare la nostra offerta dove e quando preferiscono, effettuare l’ordine, pagare e passare in gelateria solo a ritirare  l’acquisto in modo veloce. Opportunità di questa modalità che spesso vengono sottovalutate. 

E ora vediamo quali possono essere le insidie:

  • Avviare un e-commerce è emozionante, ma c’è il rischio di investire troppe risorse sulla piattaforma e poche sul marketing, ossia la “benzina” che fa girare il sito. Questo è uno degli errori più comuni ed equivale ad acquistare una bellissima Ferrari senza però avere il budget per rifornirla di carburante.
  • E’ vero che le soluzioni di vendita online per il local business sono aumentate, ma restano comunque meno mature rispetto ai sistemi studiati per l’e-commerce su ampio raggio. Attenzione alle proposte di aziende troppo giovani…
  • Gli utenti sono abituati ad esperienze di acquisto perfette e senza intoppi. Solitamente si paga in anticipo e questa risulta una grande attestazione di fiducia da parte del consumatore che se trova qualche intoppo rimane molto deluso. Andresti mai nella tua gelateria in pigiama e senza trucco o con la barba da fare? Ecco, lo stesso principio deve valere per un e-commerce. Serve perfezione.
  • La questione della logistica (quindi anche la spedizione o consegna a domicilio) viene sempre tenuta in secondo piano. Invece si tratta di un tassello primario nella buona riuscita dell’operazione. Valuta e magari testa sul campo, tempi di consegna, gestione interna degli ordini, processi amministrativi e l’esperienza utente per incrementare la fidelizzazione che deve essere il più performante possibile (Amazon insegna).

Prossime evoluzioni nel mondo del web

In questo articolo abbiamo analizzato vantaggi, svantaggi, opportunità e insidie che riguardano siti web e portali e-commerce. Nel prossimo blog post invece andremo ancora più in profondità rispondendo con molta concretezza ai temi legati alla scelta delle tecnologie da utilizzare e i relativi costi.

E il web del futuro cosa ci riserverà? Sicuramente rimarrà valido per molto tempo il modello Phygital, dove il fisico e il digitale si intersecano per diventare un’esperienza sola. Insomma, non solo digitale, ma un mondo ibrido dove accompagnare e stupire positivamente il nostro cliente. Rigorosamente prima dei nostri competitor.

Emanuele Masiero

Giornalista e Consulente Digitale

ULTIME DAL BLOG

MarketingPubblicazioni

artigeniale, ecommerce, MARKETING, sitiweb

E-Commerce e siti web per gelaterie: tecnologie, costi e consigli pratici

Tempo di lettura: 7 minuti Insieme alla digitalizzazione nascono anche nuovi dubbi. Ma non ti preoccupare. Nel terzo capitolo della nostra rubrica di #marketingingelateria troverai tante risposte molto pratiche.

Leggi news

Pubblicazioni

artigeniale, ecommerce, MARKETING, sitiweb, artigeniale, MARKETING

Cambiare oggi per essere più competitivi domani

Tempo di lettura: 6 minuti Intervenire quando va bene
e non aspettare la perdita della competitività.

Leggi news


Condividi questo articolo